TRAVI TBS2

TRAVE TRALICCIATA MISTA CON FONDELLO IN ACCIAIO

trave tbs2

La trave TBS2, progettata e realizzata per essere autoportante, è un elemento a struttura mista acciaio-calcestruzzo. Ѐ un prodotto strutturale molto indicato per strutture con grandi luci, strutture industriali e infrastrutture in generale. Trova impiego anche nell’ edilizia residenziale, grazie alla possibilità di lavorare con sezioni ad altezze contenute (pari allo spessore del solaio). Può essere abbinata a tutte le tipologie di solaio e può essere forata e bullonata in prima fase come gli elementi utilizzati nelle strutture in carpenteria metallica. A differenza della trave TBS1, il modello della TBS2 è costituito da una lamiera di acciaio da carpenteria dall’altezza minima di 5 mm e della larghezza e lunghezza pari a quelle della trave posta in opera, inglobata in un successivo getto di calcestruzzo da realizzare in opera.

Ѐ costituita da un traliccio metallico in acciaio da carpenteria formato da correnti inferiori e superiori collegati da anime reticolari, e da un piatto in lamiera adeguatamente dimensionato (sul quale sono saldati i correnti inferiori).

TBS2 A e1613987296521

In cantiere, la trave TBS2, viene completata con il posizionamento delle armature superiori ed inferiori di continuità nei nodi (monconatura superiore ed inferiore) in acciaio B450C e con un successivo getto di calcestruzzo da eseguirsi in opera. Non necessità di alcuna casseratura in quanto, oltre al piatto è fornita di adeguate spondine (che fungono appunto da cassero a perdere) e talvolta angolari, per facilitarne la posa del solaio. Le staffe di estremità sono saldate sul piatto già in stabilimento. Essendo la trave autoportante non necessita di puntelli e, se abbinata ad un solaio anch’esso autoportante, ne consente la totale eliminazione consentendo qualsivoglia lavorazione al piano sottostante e velocizzando di molto la realizzazione dell’opera.

TBS2 B

CARATTERISTICHE TECNICHE

Materiali: Acciaio S355 _ UNI-EN 10025-2
Calcestruzzo di completamento: per come previsto da esigenze progettuali
Autoportanza: Per se stessa e per la parte di solaio (autoportante) ad essa afferente
Saldature: A filo continuo sotto Gas di protezione, metodo MAG, secondo le N.T.C. 2008.

Riferimenti Normativi: I Fase: p.to 4.2 delle N.T.C. 2018; II Fase: p.to 4.3 delle N.T.C. 2018; capitolo §7 N.T.C. 2018
Resistenza al fuoco: R15. Per aumentare la resistenza al fuoco bisogna ricoprire l’elemento con apposite vernici.